CORSO DI VIOLONCELLO

Insegnante: Caterina May

 

Bambini dai 5/6 anni.

Il corso completo prevede:

  • 2 lezioni settimanali:
    1 individuale di 30’, 45’ o un’ora +
    1 collettiva in piccoli gruppi (violoncello 45' + laboratorio musicale Kodály 45')

Altre soluzioni:

  • 1 lezione settimanale individuale (violoncello) di 30’, 45' o 60'
  • 1 lezione settimanale (violoncello) di 60’ in 2 o 3 bambini (solo per principianti)

Particolari richieste di frequenza/durata lezioni si possono concordare direttamente con l’insegnante.

Colourstrings è il primo metodo che utilizza i colori. Infatti fin dalla prima pagina del libro di violoncello il bambino associa ad ogni corda un colore e un personaggio.

Questa è la prima pagina del libro di violoncello.

La sinergia dei sensi (vedere e sentire, colore e suono) aumenta l’influenza sull’aspetto emozionale del bambino e permette un apprendimento più profondo e duraturo.

Colourstrings utilizza un sistema di lettura e scrittura musicale a misura di bambino. I concetti musicali sono affrontati in modo divertente, stimolante ma ben strutturato.

Tecnica strumentale innovativa

Nella storia dell’insegnamento degli strumenti ad arco, il metodo Colourstrings è il primo ad utilizzare mezzi tecnici assolutamente innovativi:
  • gli armonici naturali contribuiscono alla morbidezza della mano sinistra, alla rilassatezza e alla libertà di movimento lungo tutta la tastiera, all’intonazione e alla tecnica dell’arco. Si eseguono così, pur in modo ancora non consapevole, veri e propri precoci cambi di posizione;
  • i pizzicati di mano sinistra sviluppano e rinforzano l’articolazione e l’indipendenza delle dita.
  L’apprendimento della teoria musicale è basato sul sistema della solmisazione relativa o do mobile, applicato per la prima volta all’insegnamento strumentale.

Perché usare il do mobile?

Il bambino che impara a suonare il violoncello con il do mobile beneficerà di molti vantaggi. Imparando a riconoscere e a riprodurre gli intervalli nel sistema relativo, prima con il canto e poi sullo strumento, l’allievo trova molto più facile e naturale suonare sul violoncello con un’intonazione precisa. Egli, infatti, “sente” la nota dentro di sé prima di suonarla, le sue dita sono “guidate” dal suo orecchio interiore.

Il sistema del do mobile, inoltre, grazie all’uso della trasposizione, permette al bambino di riprodurre ogni melodia o intervallo che conosce in qualunque punto della tastiera, senza limiti di movimento. Può dunque esplorare lo strumento prendendo dimestichezza con le posizioni più alte, benché in modo ancora non consapevole.

Sempre grazie all’uso della trasposizione, il bambino sarà in grado di riprodurre in qualunque punto della tastiera, tutto il repertorio di canzoncine appreso nel corso di Music Kindergarten.

Con i metodi tradizionali invece, l’allievo rimane fermo per mesi o anni a suonare in prima posizione e ciò causa in seguito non poche rigidità e timori, specialmente nelle posizioni alte.

Lo studio dello strumento è la naturale prosecuzione del percorso Colourstrings/ColourKeys dal Music Kindergarten. Il bambino che ha frequentato il corso di Music Kindergarten ritroverà nei suoi libri di strumento, le melodie e le canzoncine che gli sono familiari.